facebook twitter g+ youtube linkedin

Mads Würtz Schmidt ha vinto la sesta tappa della Tirreno-Adriatico

Lido di Fermo, 15 marzo 2021 – Mads Würtz Schmidt (Israel Start-Up Nation) ha vinto la sesta tappa della Tirreno-Adriatico Eolo, da Castelraimondo – Lido di Fermo (169 km). Sul traguardo ha preceduto i compagni di fuga Brent Van Moer (Lotto Soudal) e Simone Velasco (Gazprom Rusvelo). Tadej Pogačar, arrivato con il gruppo dopo 1’09”, conserva la Maglia Azzurra.

Lido di Fermo, 15 marzo 2021 –  Nella seconda tappa più veloce della storia della Corsa dei due Mari (45.645 km/h), va in porto una fuga da lontano con protagonisti Simone Velasco (Gazprom Rusvelo), Jan Bakelants (Intermarché Wanty Gobert), Mads Würtz Schmidt (Israel Start-Up Nation), Nelson Oliveira (Movistar), Brent Van Moer (Lotto Soudal) e Emils Liepins (Trek-Segafredo). A 100 km dalla fine i fuggitivi hanno raggiunto un vantaggio massimo di 6‘. Il gruppo ha tentato di chiudere il gap nel circuito finale di Lido di Fermo ma i fuggitivi sono riusciti a salvare la fuga con Mads Würtz Schmidt che ha battuto i compagni Brent Van Moer e Simone Velasco nello sprint finale. Tadej Pogacar ha conservato la Maglia Azzurra con un vantaggio di 1’15 ’’ su Wout van Aert.

Il primo corridore, Attilio Viviani (Cofidis, Solutions Crédits), partirà alle ore 13:00. L’ultimo, la Maglia Azzurra Tadej Pogačar (UAE Team Emirates) partirà alle 15:58.

CLASSIFICA GENERALE
1 – Tadej Pogačar (UAE-Team Emirates)
2 – Wout van Aert (Team Jumbo-Visma) a 1’15”
3 – Mikel Landa (Bahrain – Victorious) a 3’00”

Il vincitore di tappa Mads Würtz Schmidt, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Ho capito che l’arrivo della fuga era possibile quando abbiamo cominciato l’ultimo giro, a circa 11 km dall’arrivo, e avevamo un vantaggio di circa 4 minuti sul gruppo. E’ sempre difficile arrivare in fuga ma con gli altri attacanti abbiamo lavorato bene insieme. Mi sentivo in forma e nel finale ho capito di poter battere i miei avversari in volata”.

La Maglia Azzurra, Tadej Pogačar, ha dichiarato: “Non siamo riusciti a riprendere la fuga, sono stati bravi e ben organizzati. Siamo andati a tutta dall’inizio, la velocità è sempre stata molto alta. Sono rimasto concentrato tutto il giorno, attento ai possibili attacchi. Nell’ultima salita ho capito che il gruppo non era abbastanza organizzato per un arrivo in volata. Domani spero di fare una buona cronometro. Quest’anno, quasi ogni corsa a tappe ne prevede una. La prova di domani servirà anche come allenamento per le prossime gare. È un percorso diverso rispetto a quello dell’UAE Tour, anche se è sempre pianeggiante. Cercherò di fare del mio meglio ma penserò più alla generale che non al successo di tappa”.

Wout van Aert, in Maglia Ciclamino, ha commentato: “Ieri è stata una giornata davvero dura. Questa mattina mi sentivo stanco, quindi abbiamo lasciato al gruppo la scelta di inseguire la fuga o meno. I fuggitivi davanti erano davvero forti. A fine giornata ho capito che era meglio prendersela comoda e recuperare un po’. Domani cercherò di fare una buona prova. Filippo Ganna è chiaramente il favorito. Ha vinto tutte le cronometro in cui ha partecipato nell’ultimo anno. Sarà difficile batterlo, soprattutto dopo tappe così dure nei  giorni scorsi”.

LA TAPPA DI DOMANI
San Benedetto del Tronto (ITT – 10.1 km)

Cronometro individuale di 10.1 km, su un percorso che ricalca in gran parte il circuito finale delle tappe conclusive degli ultimi anni ’90 e 2000, ed è il medesimo dal 2015. La pedana di partenza è posta in viale Pasqualini, da dove si procede verso Porto d’Ascoli lungo il mare. Da Piazza Salvo d’Acquisto (cronometraggio intermedio – km 4.4) si prosegue ancora per circa 750 m prima di risalire fino a San Benedetto del Tronto, dove la corsa termina sul traguardo tradizionale di viale Buozzi. Gli ultimi 2.5 km sono praticamente rettilinei.

Ultimi km
Ultimi 3 km su strade ampie e prevalentemente rettilinee. Si risale sul lungomare (carreggiata a monte) verso il traguardo. Ai 2.5 km dal traguardo una doppia curva immette sul rettilineo d’arrivo (2500 m). Carreggiata di 8 m, fondo asfaltato.

COPERTURA TV
I palinsesti della Tirreno-Adriatico Eolo sono disponibili a questo link.